Lettera agli Stakeholder

Con il Bilancio di Sostenibilità, alla sua 17a edizione, intendiamo fornire alle parti interessate una visione dell’azienda che integri gli aspetti economici e di governance con gli aspetti sociali ed ambientali delle attività, in continuità con un’attenzione alla sostenibilità d’impresa che vogliamo sia sempre più qualificante e presente nella gestione. L’ambito di attività del Gruppo, nei servizi d’interesse economico generale, e l’ampiezza dell’arco temporale di operatività hanno infatti contribuito ad accrescere, in Acea, la consapevolezza del ruolo sociale svolto. Per questa ragione, la sostenibilità e la responsabilità sociale d’impresa sono insite nell’identità del Gruppo, che le ha trasposte nei valori di riferimento, e nei coerenti indirizzi comportamentali, nella dotazione di sistemi di gestione e di engagement delle parti int eressate, nel puntuale monitoraggio delle performance.

Riguardo ai riferimenti valoriali, sia il Codice Etico, adottato nel 2004 ed aggiornato nel 2012, sia l’adesione al Global Compact, sottoscritta nel 2007, testimoniano il costante impegno di Acea che, quest’anno, ha voluto intraprendere un percorso di approfondimento della coerenza tra i principi enunciati nel “Patto globale” e le azioni intraprese, identificando in esse gli elementi rispondenti al livello advanced della Communication on Progress, previsto dal Global Compact.

Per quanto concerne le iniziative di ascolto e coinvolgimento delle parti interessate, nella convinzione che da esse possa generarsi un patrimonio informativo e relazionale utile allo sviluppo del Gruppo, abbiamo organizzato presso la nostra sede centrale, nel gennaio 2015, un focus group multistakeholder, con l’obiettivo di discutere, rilevare e analizzare le tematiche di interesse e le attese informative connesse alla rendicontazione socio-ambientale.

Intendiamo far sì che la crescita dell’impresa, nel perseguimento degli obiettivi di business, sia sostenibile e abbini allo sviluppo economico l’attenzione agli aspetti socio-ambientali. Il Piano Industriale 2014-2018 ha indicato tali linee di sviluppo: accrescere il ruolo nel settore del trattamento industriale dei rifiuti, migliorare la soddisfazione dei clienti per i servizi fruiti e le relazioni con l’azienda, consolidare il ruolo nel settore idrico nazionale, puntando su innovazioni gestionali, sviluppare la vocazione a diventare una smart utility nella gestione delle reti elettriche. In coerenza con tali indirizzi è stato aggiornato il Piano di Sostenibilità 2014-2018, che prevede obiettivi specifici di miglioramento della qualità dei servizi erogati, da ottenere mediante l’applicazione di innovazione tecnologica tanto nei processi produttivi quanto nella gestione degli interventi, di efficientamento dei canali di contatto con i clienti, anche attraverso un orientamento social delle applicazioni tecnologiche, di presenza attiva nei territori su cui insistono le attività del Gruppo, sostenendo iniziative a beneficio della collettività, di contenimento degli impatti ambientali, di importanti iniziative di efficientamento energetico, di valorizzazione delle persone, tramite un sistema di gestione attento al merito e alle competenze, di costante cura della sicurezza sul lavoro, di attenzione crescente alla qualità e alla sicurezza lungo la catena di fornitura.

Tra le principali iniziative intraprese nell’anno, vogliamo ricordare che, sulla base di una riflessione strategica interna, è stato avviato il programma ACEA2PUNTOZERO. Si tratta di un percorso sfidante, di evoluzione tecnologica e organizzativa, destinato ad incidere profondamente sulla capacità competitiva dell’impresa: è incentrato sul rinnovamento e l’armonizzazione dei sistemi informativi a supporto delle attività chiave del Gruppo e sulla valorizzazione e il coinvolgimento del personale, al fine di conseguire miglioramenti significativi sia nei processi operativi sia nella qualità dei servizi offerti ai clienti.

A livello di governance, il nostro Consiglio di Amministrazione, a seguito del rinnovo dei vertici societari, ha oggi una composizione che supera, nella rappresentanza femminile, le aspettative del legislatore. È stata inoltre approvata la Carta per la gestione delle diversità e istituito il Comitato Diversity.

Nell’ambito dei processi industriali sono state intraprese e pianificate attività volte al contenimento degli impatti ambientali e alla riduzione delle emissioni di CO2, delle perdite di rete e dei consumi di energia e di acqua ed è proseguito l’impegno per l’efficientamento energetico, ad esempio con l’installazione di dispositivi a LED per i sistemi di illuminazione degli impianti di termovalorizzazione di San Vittore del Lazio e Terni. È stato definito, insieme con il Comune di Roma, il Piano, da realizzarsi entro i prossimi due anni, per la trasformazione a LED del parco lampade di tutta l’illuminazione pubblica di Roma, con un risparmio di energia elettrica previsto di oltre il 50%. È proseguito, inoltre, l’impegno nel settore delle smart grid, nel quale Acea è già all’avanguardia, e sono state avviate altre iniziative in un’ottica smart city, ad esempio il progetto RoMA - Resilience Enhancement of Metropolitan Area - del quale Acea è capofila, insieme con altri soggetti istituzionali ed industriali.

Nei confronti delle persone del Gruppo, che rappresentano il più importante capitale a disposizione per la crescita e la creazione di valore, è proseguita l’applicazione di un Sistema di gestione incentrato sulla valutazione e valorizzazione del merito individuale, che sarà esteso a tutta la popolazione aziendale, e si è svolta un’intensa attività formativa volta ad accrescere le competenze e a rafforzare il senso di appartenenza al Gruppo. L’impegno nella diffusione di una cultura della salute e sicurezza sul lavoro, anche grazie all’estensione dei sistemi di gestione certificati, ha inoltre portato a confermare un trend di marcata riduzione degli eventi infortunistici.

Verso i fornitori, Acea ha sviluppato ed esteso, nell’anno, l’applicazione di un sistema di vendor rating, che monitora e valorizza gli aspetti di qualità e sicurezza lungo la catena di fornitura, ha ampliato il green procurement ed ha contribuito allo sviluppo del tessuto economico indotto, dando lavoro a circa 1.800 aziende in Italia, per un valore di approvvigionamenti di lavori, beni e servizi di oltre 530 milioni di euro.

Infine, Acea ha voluto sottolineare la propria presenza, partecipe, nei territori in cui opera, contribuendo al benessere dei cittadini, ad esempio tramite il sostegno e la sponsorizzazione di eventi culturali e sportivi, a larga partecipazione della collettività, e ha dedicato particolare attenzione alle zone periferiche della città. Ricordiamo, tra gli altri, il progetto
Luce. Diversità è energia che ha incluso eventi sia nel centro storico che nei quartieri delle periferie romane, con il coinvolgimento di alcuni istituti scolastici, quale luogo privilegiato in cui apprendere i valori del confronto aperto, dell’integrazione e dell’accettazione delle diversità. Acea ha preso posizione su temi di rilievo sociale, organizzando l’evento Mai più, presso il Macro di Testaccio, alla vigilia della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, per sottolineare il proprio impegno contro ogni forma di discriminazione, disparità e abuso. Ha inoltre aderito alla dodicesima Giornata Mondiale contro le mutilazioni femminili, promossa dal Dipartimento Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, ed ha contribuito con le sponsorizzazioni tecniche all’illuminazione in rosa del Palazzo della Regione Lazio e del Colosseo, quali simboli dell’iniziativa Ottobre rosa, finalizzata ad incentivare le donne ad aderire ai programmi di prevenzione del tumore al seno, e alle iniziative di Romadiceno, insieme con Roma Capitale, che si sono svolte in occasione della Giornata mondiale ONU contro la violenza sulle donne, illuminando di rosso Piazza del Popolo.

 

 

L'Amministratore Delegato
Alberto Irace

Il Presidente
Catia Tomasetti