La ricerca

Il Gruppo promuove attivita di ricerca e sviluppo, nelle diverse aree di business. Si tratta principalmente di iniziative di innovazione tecnologica, spesso in sinergia con enti di ricerca ed istituti scientifico-accademici (vedi anche capitolo Istituzioni e impresa). Di seguito si indicano alcuni tra i principali progetti in corso di sviluppo.

Acea Distribuzione:

  • Progetto Smart Grid, inerente lo sviluppo di soluzioni innovative per l’integrazione della generazione distribuita e il miglioramento della continuita del servizio. Le attivita di installazione in campo sono terminate nel 2013. Nel 2014 e stata avviata e completata la fase di monitoraggio.
  • Progetto Smart Network Management System (SnMS), inerente l’evoluzione tecnologica nella gestione della rete di distribuzione elettrica, che, tramite il progetto Smart Grid Intelligence, introducendo tecnologie di validazione e integrazione dei dati, migliora il sistema di monitoraggio e analisi della rete di distribuzione a media e bassa tensione, permettendo l’individuazione, in tempo reale, dei punti deboli della rete, indirizzando gli interventi e prevenendo gli eventi di interruzione del servizio.
  • Progetto Resilience Enhancement of a Metropolitan Area (RoMA), che Acea Distribuzione sta sviluppando, insieme ad altri partner, per migliorare la capacita di reazione del sistema “citta” alle criticita ambientali emergenti (vedi box dedicato nel capitolo Istituzioni e impresa).
  • Sperimentazione “olio biodegradabile in trasformatori di potenza”. Nel 2014 Acea Distribuzione, in coordinamento con altri partner108, ha dato avvio alla sperimentazione dell’utilizzo, in sostituzione dell’olio minerale impiegato come liquido isolante nei trasformatori di potenza, di un olio naturale biodegradabile. Quest’olio, in caso di spandimento nell’ambiente garantisce, in relazione alla propria biodegradabilita, un inquinamento pressoche nullo. L’alto punto di infiammabilita, inoltre, riduce notevolmente i rischi di incendio. Nel 2015 dovrebbe partire la sperimentazione su 6 trasformatori per cabina secondaria per verificarne il comportamento nel tempo.

Acea Ato 2:

  • E proseguita nel 2014 l’attivita di analisi degli assetti delle reti idriche e di ricerca e recupero perdite, in collaborazione con la societa LaboratoRI: i principali interventi, hanno interessato il comune di Velletri. E stata avviata un’attività di riperimetrazione e verifica dei distretti idrici a Roma e in provincia, per consolidare gli schemi di gestione dei sistemi idraulici e sistematizzare i bilanci idrici (nel 2014 riperimetrati 40 distretti idrici a Roma, 26 nei comuni della Rete Nord e 55 nei comuni della Rete Sud).
  • Nell’ambito dei processi di trattamento delle acque reflue, la societa ha condotto numerosi studi finalizzati: all’applicazione di tecnologie avanzate “compatte” per l’adeguamento dei grandi impianti di depurazione, alla valutazione delle performance e delle criticita dei sistemi di trattamento terziari (filtrazione e disinfezione) in uso, alla definizione di metodologie per il monitoraggio degli impatti odorigeni, mediante nasi elettronici e modelli matematici di simulazione, e all’analisi delle soluzioni tecnologiche piu adeguate per il trattamento delle emissioni odorigene della linea fanghi (vedi anche tabella n. 95).

Acea Ato 5:

  • Attivita di ricerca perdite (nel 2014 sono stati sostituiti circa 37 chilometri di condotte idriche, ed effettuati oltre 250 interventi per attivita di ricerca perdite).

A.R.I.A.:

  • E allo studio un progetto di variazione del processo di abbattimento degli NOx, presso l’impianto di termovalorizzazione di San Vittore del Lazio, che comportera una riduzione dell’impiego di soluzione ammoniacale e di metano (si veda il paragrafo Le emissioni in atmosfera).

LaboratoRI:

  • Sono proseguite le attivita di consulenza, finalizzate alla gestione e ottimizzazione dell’impianto di trattamento a MBR (Membrane BioReactor) – Osmosi Inversa delle acque di spremitura del pulper, asservito all’impianto di termovalorizzazione di Terni. 
  • Come gia nel 2013, per Acea Ato 5, ha proseguito la verifica funzionale di impianti di trattamento delle acque potabili e ha portato avanti lo studio dell’instabilita delle acque e dei fenomeni di precipitazione nei sistemi idrici presso nuovi comuni, e in particolare: Arce, Ceprano, Col Felice, Fontana Liri e Broccostella; 
  • Per Acea Produzione ha prestato consulenze sull’ammodernamento e la riqualificazione della centrale di cogenerazione di Tor di Valle.

Accanto allo sviluppo di studi di ricerca ed innovazione, sono state sviluppate iniziative e attivita in collaborazione con la comunita scientifica; si segnalano:

  • Corpi idrici superficiali Tevere ed Aniene - Approfondimenti sulle correlazioni tra indici biologici e concentrazioni di nutrienti (Universita La Sapienza); 
  • Nuovo acquedotto Pertuso - Piano di monitoraggio ante operam delle componenti ambientali, in ottemperanza alla valutazione d’impatto ambientale - VIA (Universita La Sapienza); 
  • Sorgenti del Peschiera – Sviluppo e gestione rete accelerometrica e micro-accelerometrica finalizzata alla sorveglianza di eventuali eventi vibrazionali insistenti sul sistema (centro di ricerca Ceri).

Attivita di ricerca in ambito idrico ambientale vengono inoltre svolte, in collaborazione, da LaboratoRI e da Acea Ato 2. Le principali iniziative intraprese nell’anno sono sintetizzate in tabella n. 95.

108 Sono partner di tale progetto le società Enel Distribuzione, Terna, i costruttori di trasformatori di potenza e i fornitori del liquido utilizzato.

TABELLA N. 95- PRINCIPALI ATTIVITÀ DI RICERCA SVOLTE DA LABORATORI E ACEA ATO 2

titolo del progetto (anno)descrizione
FONTI E QUALITÀ ACQUE POTABILI
Aree di salvaguardia (2014) Le attività avviate prevedono la redazione delle proposte tecniche delle aree di salvaguardia per le fonti di approvvigionamento Le Capore, Ceraso, Cerreto, Valga delle Rosce, Ronci, nonché per l’acquifero Acqua Vergine e approfondimenti per la perimetrazione delle aree di protezione relativi agli impianti Salone, Torre Angela, Pantano Borghese, Finocchio.
Definizione interventi per assetto ottimale rete distribuzione: Task force Velletri (2014) Con l’obiettivo di fronteggiare le emergenze idriche del Comune di Velletri, sono state effettuate attività di ottimizzazione e bonifica della rete consistenti in rilievi topografici e campagne di misura di pressione e portata, analisi della rete e delle utenze attive finalizzate al bilancio idrico, modellizzazione matematica, campagne di ricerca perdite.
Ottimizzazione, verifiche di funzionalità di processi di trattamento delle acque potabili – impianti nell’ATO 2 (2014) L’attività ha come obiettivi: l’ottimizzazione, verifica della performance e attività di verifica funzionale dei 31 impianti di potabilizzazione per la rimozione di arsenico, fluoruri e altri contaminanti (alluminio, manganese, ferro), installati nell’ATO 2; la definizione di specifiche per nuovi impianti da realizzare; lo start – up di nuovi impianti.
DEPURATORI
Trattamenti avanzati per grandi depuratori (2014) Sono stati effettuati studi di fattibilità, finalizzati all’applicazione di tecnologie avanzate “compatte” per l’adeguamento dei grandi impianti di depurazione della città di Roma, in considerazione delle limitate potenzialità volumetriche di ampliamento. In particolare l’analisi ha riguardato: sistemi di biofiltrazione-BAF (Filtri Biologici Aerati), processi di trattamento dei liquami di superficie (surnatanti) con digestione dei fanghi; rimozione del fosforo; filtrazione finale).
Emissioni odorigene presso gli impianti di depurazione (2014) Le attività si sono avviate e sviluppate su tre diverse linee:
  • sperimentazione, validazione e definizione di metodologie di monitoraggio dell’impatto olfattivo mediante misure in continuo con nasi elettronici;
  • applicazione di modelli matematici di simulazione per ricaduta degli odorigeni in impianti di depurazione; 
  • sperimentazione metodologia di controllo degli odorigeni in collaborazione con l’Enea;
  • identificazione delle soluzioni tecnologiche più adeguate per il trattamento delle emissioni odorigene della linea fanghi, con riferimento alle dimensioni impiantistiche (piccoli/medi/grandi impianti).
RETI FOGNARIE
Aggiornamento modelli afflussi e deflussi bacini fognari (progetto modello drenaggio urbano: 2004-2013; aggiornamento per il monitoraggio Sala Controllo Ambientale: 2014) Il lavoro è focalizzato sull’analisi integrata del funzionamento del sistema fognario di Roma, mediante l’adozione di strumenti di rappresentazione del sistema di drenaggio in grado di simularne il funzionamento in condizioni diverse, in particolare valutandone la risposta rispetto agli eventi pluviometrici significativi. Nel corso del 2014 le attività si sono concentrate su approfondimenti e aggiornamenti del modello, in particolare ove il livello di conoscenza è meno avanzato (impianto di depurazione del COBIS). Risultati di questa attività sono utilizzati per la predisposizione del sistema di monitoraggio afferente alla Sala di Controllo Ambientale.